Sandia Cooler, il dissipatore “scientifico” prossimo alla commercializzazione


 

Lo scorso anno i Sandia National Laboratories avevano illustrato un progetto di ricerca incentrato sulla realizzazione di un dissipatore di calore più efficiente rispetto alle tradizionali soluzioni reperibili sul mercato. Si trattò di un progetto molto interessante e che ora sembra praticamente prossimo alla fase della realizzazione commerciale.

I Sandia National Laboratories hanno infatti recentemente siglato accordi di licenza con due realtà interessate a portare il particolare dissipatore sul mercato, una delle quali sarebbe proprio impegnata nel mondo del raffreddamento dei componenti hardware.

Vedi Video

Il “Sandia Cooler”, nome dato al particolare dispositivo, è stato recentemente riproposto in un nuovo prototipo aggiornato, che sarebbe il preludio della versione finale che sarà presto o tardi reperibile nei negozi. Il prototipo è basato su tre element semplici: un disco stazionario, che funge da base di scambio termico con la CPU, una struttura radiante composta da alette ricurve che viene messa in rotazione da un motore elettrico collocato al centro del dissipatore.

Jeff Koplow, responsabile del progetto di ricerca, spiega che il calore viene trasferito all’elemento radiante mediante un sottile cuscinetto d’aria che si viene a formare tra esso ed la base stazionaria. In questa maniera lo strato di aria ferma che normalmente circonderebbe le alette di raffreddamento è soggetto ad una forza centrifuga che ne riduce lo spessore fino a 10 volte. Questa particolare caratteristica permette di incrementare le prestazioni di raffreddamento e di risolvere il problema dell’accumulo di polvere che si ha con i normali dissipatori di calore.

Ulteriori informazioni sul “Sandia Cooler”, sono disponibili a questo indirizzo.