Microsoft Windows 8 ha molte novità per i driver delle stampanti


 

Molto spesso dopo il passaggio ad un nuovo sistema – ad esempio aggiornando a una più recente versione di Windows – ci si scontra con una serie di problemi pratici, e tra i più comuni c’è sicuramente la necessità di stampare. A questo punto lo scenario può diventare molto semplice o drammaticamente complicato: nel primo caso Windows ha al suo interno i driver necessari a riconoscere la stampante, oppure è in grado di recuperarli online; nel caso peggiore la ricerca dei driver dovrà essere effettuata dall’utente ricercarcandoli online, sul sito del produttore o presso altre risorse.

Negli anni questi problemi non sono ancora stati completamente risolti anche se con Windows 7 qualcosa è sicuramente migliorato. Con Windows 8 Microsoft promette un radicale miglioramento della situazione e il tutto viene descritto in questo interessante post pubblicato sul blog dedicato allo sviluppo del nuovo sistema operativo.

Con Windows 8 oltre alla classica gestione del processo di stampa c’è la necessità di gestire tale operazione anche dalle app Metro, ma in realtà per come viene posto il problema la soluzione è abbastanza semplice. Infatti le app utilizzano Direct2D per il rendering dei contenuti a video e pare relativamente semplice gestire la conversione in XPS, formato gestibile anche in modo diretto da alcune stampanti.

Un approccio più tradizionale al processo di stampa prevede la disponibilità di un set di driver che contiene gli elementi necessari a gestire correttamente le più diffuse stampanti. Microsoft afferma di aver scelto quali driver inserire in base alla popolarità dei prodotti, eliminando anche soluzioni più datate. Al lancio di Windows 8 pare che saranno circa 2500 i prodotti supportati con un’occupazione su disco fisso di poco superiore ai 180MB, dimensioni più che ragionevoli e ben inferiori rispetto a quanto previsto per Windows 7 e Windows Vista.

Questo set di driver sarà fondamentale nel caso di Windows RT che viene tipicamente impiegato su dispositivi dotati di ridotte possibilità di storage. Inoltre, Windows RT sarà in grado di utilizzare solo il set di driver fornito con l’installazione e non potrà contare sui contenuti di Windows Update; per questo dettaglio non da poco risulta molto interessante un’altra novità a cui Microsoft sta lavorando: con Windows 8 ci sarebbe l’obiettivo di creare un nuovo print class driver framework, una soluzione in grado di gestire in modo autonomo e senza driver specifici la stampante.

È ovviamente necessaria la collaborazione dei produttori e le funzionalità offerte potrebbero essere inferiori rispetto a quelle garantite dai driver ufficiali, ma la novità è di sicuro interesse. Inoltre, in Windows 8 il driver model prevede una separazione tra il driver vero e proprio rispetto all’interfaccia messa a disposizione dell’utente per la gestione del dispositivo; questo dettaglio permetterà ad esempio la creazione di applicazioni Metro più intuitive e con elementi multimediali, alle quali si affiancheranno pannelli di configurazione separati e tali da non confondere troppo le idee agli utenti. Questo parrebbe l’obiettivo di Microsoft ma il tutto andrà valutato sul campo con la disponibilità di Windows 8 definitivo e di tutto il software che i produttori dovranno rendere disponibile quanto prima.