Microsoft: il supporto IT per Windows XP costa. È tempo di aggiornare


Microsoft da parecchio tempo si confronto con un problema non da poco: Windows XP continua a rimanere una soluzione ampiamente diffusa e apprezzata dagli utenti, anche in ambito aziendale. Proprio questa diffusione ha in passato suggerito al colosso di Redmond di rivedere le date relative alla sospensione del supporto e il prossimo inderogabile appuntamento rimane aprile 2014. Oltre tale data Microsoft non rilascerà più patch e supporto, con ovvie conseguenza sulla sicurezza e la stabilità dei sistemi.

Per incentivare il processo di migrazione da Windows XP a Windows 7 – di Vista pare nessuno se ne sia accorto – sono stati avviati vari programmi i cui risultati tardano ad arrivare. IDC ha pubblicato un report relativo a un’indagine commissionata da Microsoft e dedicata all’analisi dei tempi dedicati al supporto e alla manutenzione sui differenti sistemi.

Il quadro disegnato da IDC concretizza quello che potrebbe essere il pensiero comune: la manutenzione di un’infrastruttura datata richiede più tempo – quindi più risorse – rispetto a una struttura basata su soluzioni più recenti. Circostanziando il tutto ai soli sistemi operativi. IDC cita che in media vengono citate 11,3 ore di assistenza ogni anno per pc basati su Windows XP, dato che decresce fino a 2,3 ore per sistemi basati su Windows 7. Questi dati e queste analisi vanno ovviamente ben circostanziate, soprattutto in una fase delicata come quella attuale in cui è ormai imminente la presentazione di Windows 8.