HomeOS, il sistema operativo Microsoft per la propria casa


Pensando a Microsoft, la maggior parte delle persone collegherà il marchio con quello di Windows, ovvero il sistema operativo per PC che negli ultimi decenni ha saputo collocarsi su oltre il 90% dei PC a livello mondiale. Non di solo Windows però è fatto il mondo di Microsoft, come testimonia uno dei progetti più promettenti per il futuro, ovvero HomeOS.

L’ambito, come è facile intuire dal nome, è quello della domotica, uno dei settori più ambiti e nei quali tutti i produttori ripongono grandi aspettative. HomeOS quindi può essere considerato il sistema operativo per la casa, come Windows lo è per il PC. Il sistema operativo si farà carico di gestire l’interazione fra l’uomo e i dispositivi elettronici che affollano le nostre case, interagendo con sensori e sistemi dedicati per il monitoraggio e risparmio energetico, ma non solo.

Scontata l’interazione con smarphone, PC, televisore e quant’altro, mentre vengono previsti sistemi preimpostati in base alle esigenze e alle situazioni. I sensori di temperatura, consumo energetico, luminosità, apertura finestre e porte, permettono infatti la creazione di pattern predefiniti, richiamabili con un solo click in base alle preferenze dell’utente.

Microsoft Research, che fa capo al progetto HomeOS, sta da tempo testando il proprio sistema operativo domotico in 12 abitazioni, raccogliendo le informazioni dai pochi e selezionati utenti per migliorare il progetto. Si tratta in ogni caso di un prototipo, ma non è detto che in un futuro, anche vicino, tutto ciò non si trasformerà in una realtà di tutti i giorni. Per maggiori informazioni consigliamo la lettura del PDF messo a disposizione da Microsoft.