Asus PadFone, un tuttofare: telefono, tablet, notebook


Asus PadFone è un prodotto molto particolare, in quanto abbinabile a PadFone Station, ovvero un tablet 10,1 con un vano per ospitare lo smartphone, a sua volta collegabile a PadFone Station Dock, ovvero una tastiera che si collega in stile transformer al gruppo costituito da smatphone e tablet. Tre prodotti in uno, insomma: smarthone, tablet e notebook, il tutto con una sola SIM e, importante, ognuno con la propria batteria.

Tornando su PadFone, fra le caratteristiche spicca il display da 4,3 pollici Super AMOLEDqHD (960×540 pixel) e la piattaforma Qualcomm Snapdragon S4 dual core; le altre caratteristiche, parlano di una grande attenzione dedicata al comparto fotografico, con un sensore da 8-megapixel e gestione Fuji, mentre il sistema operativo è Android 4.0.

Se collegato a PadFone Station, lo smartphone diventa in pratica un tablet da 10.1”, aumentando la sua autonomia di cinque volte, poiché potrà “attingere” da quella della Station stessa. Da segnalare la tecnologia Dynamic Display, che permette di avere tutti i contenuti contemporaneamente sia sul display dello smartphone, sia del tablet, quando sono separati e a breve distanza.

E se il telefono suona mentre è in configurazione notebook? Siamo nel caso in cui lo smartphone è fisicamente ospitato nel retro del monitor, a tutti gli effetti. Asus ha pensato anche a questo: il pennino (Asus lo chiama Stylus Headset) che può essere utilizzato sul tablet integra microfono e altoparlante, rendendola a tutti gli effetti una “cornetta”. padFone e il suo ecosistema arriverà nei negozi già ad aprile.